Ieri sera all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche ha avuto luogo la Gara 3 della semifinale dei Play off Scudetto tra la Cucine Lube Civitanova e l’Azimut Modena. Ormai si tratta del sesto appuntamento della stagione tra marchigiani ed emiliani. Per il big match l’Eurosuole Forum ha registrato l’ennesimo sold out della stagione, con un totale di 4136 spettatori.

I biancorossi scendono in campo con la solita formazione titolare: Christenson-Sokolov, Juantorena-Kovar, Candellaro-Stankovic e Grebennikov libero. Tra i gialloblu spiccano inizialmente Orduna-Vettori, Petric-Ngapeth, Holt-Le Roux e il libero Rossini.

 

Nel primo set la Lube prende in mano la situazione, partendo subito in vantaggio e mandando in estasi la tifoseria: Juantorena attacca e segna, poi subentra il muro vincente di Candellaro, seguito dall’attaco di Sokolov su mani out. La Lube conduce il gioco 3-0. Dopo il time out chiesto da coach Tubertini, si ritorna in campo e questa volta è l’ace dello schiacciatore italo-cubano a segnare l’8-2 sul tabellone. I modenesi nel frattempo tentano di recuperare con l’ace di Holt e il successivo attacco vincente di Vettori, ma sono costretti a rimanere a quota 7 a causa dei numerosi errori in battuta, mentre i biancorossi proseguono senza troppi problemi (14-7). Verso la fine, gli avversari riescono a riequilibrare il match anche grazie a un paio di errori in attacco dei cucinieri (21-19). Blengini chiama il time out per spronare i suoi ragazzi, che dopo chiudono il set 25-21 con l’attacco su mani out di Kovar.

Nel secondo parziale è il Modena a condurre il gioco. Dopo l’1-4, Sokolov porta a casa due punti con due attacchi vincenti (2-4), ma i civitanovesi vengono ostacolati dalla pipe di Ngapeth (3-6). La Lube è sotto di cinque punti (5-10) e cerca allora di rimontare con la pipe di Kovar, l’attacco vincente di Sokolov, i tre primi tempi di Candellaro e il successivo ace di Kovar (11-13). I gialloblu iniziano a preoccuparsi e ad agitarsi, permettendo alla Lube di cogliere l’occasione e invertire le sorti del set, passando in vantaggio con l’attacco su mani out di Juantorena (22-21). Sul 24 pari, è sempre l’attacco dell’italo-cubano a far chiamare il set point che viene poi firmato dal muro vincente del capitano (26-24).

Nel terzo set le due squadre riescono a tenersi testa a vicenda fino al 13 pari, quando l’Azimut passa in netto vantaggio grazie al primo tempo e al muro vincente di Holt, all’ace di Ngapeth e all’attacco su mani out di Petric (13-18). I padroni di casa non demordono e provano a ristabilire il punteggio con il primo tempo di Stankovic e gli attacchi vincenti dei due martelli (18-20). Ma Vettori subentra a fermare le azioni biancorosse con una diagonale vincente, seguita dalla cannonata di Ngapeth. Sarà proprio quest’ultimo a guadagnare l’ultimo punto del set con un ace (21-25).

La Lube è stordita, mentre nei cuori modenesi si fa sentire l’orgoglio. Dopo l’ace di Piano (0-2), gli emiliani proseguono la loro scalata servendosi delle bordate di Ngapeth che riesce a segnare sia dalla prima che dalla seconda linea. Civitanova resta indietro, non riesce a scavalcare i muri di Holt e Vettori (9-14). Sul 13-20, Blengini cambia Candellaro con Cester, ma ormai Modena ha le redini del gioco e vince il quarto set 15-25.

Kovar, eletto Mvp del match.

Nel tie break si ricomincia da capo. È una sfida punto a punto che termina sul 6-6, quando il primo tempo di Stankovic e il muro vincente di Kovar portano la Lube in vantaggio di due punti (8-6). Sul 12-10, i biancorossi si avvicinano alla conquista del match con gli attacchi di Candellaro e il muro di Stankovic su Petric. Modena tenta con la diagonale vincente di Vettori, ma sarà proprio lui a sbagliare il servizio e a far conquistare l’ultimo punto alla Lube (15-12).

La Lube e l’Azimut ritorneranno all’Eurosuole Forum giovedì 13 aprile alle ore 20:30 per la gara di ritorno dei Playoffs 6 della Champions League. Ai biancorossi basterebbe vincere due set per qualificarsi, avendo vinto 3-0 nel match di andata al PalaPanini di Modena. In caso di scofitta per 3-0 o 3-1 si andrà al golden set.

Ph. Spalvieri/Lubevolley.it

guarda il video delle azioni salienti

 

A proposito dell'autore

Mi chiamo Sara Schiavone e sono nata a San Severo (FG) il 27 dicembre 1992. Per quattro anni ho vissuto a Civitanova Marche per frequentare l'università di Mediazione Linguistica. Dopo aver completato il percorso triennale nel marzo 2015, mi sono trasferita a Macerata per continuare gli studi della magistrale, specializzandomi in Lingue, culture e traduzione letteraria.