Ieri sera, nella Gara 1 di Semifinale dei Play Off Scudetto, la Lube Civitanova ha battuto l’Azimut Modena 3-2 davanti a 4098 spettatori. Le due squadre si sono tenute testa a vicenda nei primi quattro set, arrivando fino al tie break dove i modenesi si sono arresi.

La squadra di Blengini scende in campo con la diagonale Christenson-Sokolov, gli schiacciatori Juantorena-Kovar, i centrali Candellaro-Stankovic e il libero francese Grebennikov. Nel sestetto dell’Azimut spiccano Orduna-Vettori, Petric-Ngapeth, Holt-Le Roux e il libero Rossini.

La Lube inizia subito a condurre il gioco nel primo set. Dopo il 4-1 segnato dalla diagonale vincente di Kovar, i gialloblu tentano un riavvicinamento con due attacchi vincenti di Vettori (5-4). Ma Civitanova riprende le distanze con gli attacchi e i muri vincenti di Stankovic e Sokolov, costringendo sul 12-8 coach Tubertini a chiamare il primo time out. La situazione resta invariata e la Lube si aggiudica il primo parziale 25-22 firmato dalla diagonale vincente di Juantorena.

Il secondo set è di marca gialloblu. Holt conquista tre punti consecutivi con un muro e due primi tempi vincenti (0-4). La Lube subisce ancora con l’attacco di Ngapeth e l’ace di Travica, che nel frattempo è entrato al posto di Orduna. I biancorossi non mollano e arrivano a un punto dal Modena (6-7) grazie al primo tempo del capitano e agli attacchi di Sokolov e Kovar. Poi Candellaro firma due ace consecutivi, portando i suoi compagni sempre a un punto dall’Azimut (11-12). Ma la padrona di casa viene fermata dagli attacchi di Ngapeth. Il set termina con lo stesso punteggio del primo (22-25), ma questa volta a favore dei modenesi.

 

 

Stessa storia nel terzo parziale. Dopo una partenza molto equilibrata che ha visto le due squadre più volte in parità, sul 10-10 i ragazzi di Tubertini prendono le distanze con il primo tempo e il muro vincente di Holt. La Lube non riesce più a segnare e nelle fasi di attacco viene fermata dal muro avversario. Blengini opta per due cambi, facendo entrare Cester al posto del capitano e Kaliberda su Kovar. Cester riesce a guadagnarsi tre punti con un primo tempo e due ace (16-20). Ma ormai gli avversari hanno in mano la situazione e chiudono il terzo set 20-25 con il muro vincente del centrale statunitense.

Nel quarto set la Lube si sveglia. Dopo un primo inizio traumatico per i biancorossi in cui il Modena conduce il gioco 5-7, i civitanovesi raggiungono e superano i modenesi con due attacchi vincenti di Juantorena e i muri di Candellaro (12-7). La Lube passa in netto vantaggio, mandando il palazzetto in delirio. Gli avversari si difendono con gli attacchi di Vettori e Ngapeth, ma cedono alla fine al lungolinea vincente di Sokolov che fa vincere il quarto set ai suoi compagni (25-19).

Il tie break è della Lube. Le Roux, Vettori e Holt spediscono i loro attacchi fuori. I biancorossi colgono l’occasione per prendere le distanze, sfruttando le mani di Sokolov e Cester (7-2). Ngapeth sprona i suoi compagni intascando tre punti, una diagonale vincente e due ace (7-5). Ma le intenzioni modenesi vengono fermate dall’ace di Cester, eletto Mvp, dall’attacco vincente di Sokolov e infine dall’attacco di Kaliberda che chiude il tie break 15-11.

Il prossimo appuntamento con la Cucine Lube sarà mercoledì 22 marzo alle 20.30 contro i polacchi della PGE Skra Belchatow, per il ritorno di Champions League. Mentre domenica 26 marzo ci sarà la Gara 2 della Semifinale Play Off al Pala Panini di Modena.

Ph. Spalvieri

 

 

GUARDA LE AZIONI SALIENTI…

A proposito dell'autore

Mi chiamo Sara Schiavone e sono nata a San Severo (FG) il 27 dicembre 1992. Per quattro anni ho vissuto a Civitanova Marche per frequentare l'università di Mediazione Linguistica. Dopo aver completato il percorso triennale nel marzo 2015, mi sono trasferita a Macerata per continuare gli studi della magistrale, specializzandomi in Lingue, culture e traduzione letteraria.