• La Lardini non riesce a ripetere le precedenti prestazioni e cade (1-3) al PalaBaldinelli contro la Banca Valsabbina Millenium Brescia.
    Le lombarde sfruttano la buona intensità difensiva e centrano la terza vittoria consecutiva.

E’ Chiara Di Iulio a spingere  una Lardini che attacca con grande efficacia e tocca il +4 prima con l’ace di Cogliandro (10-6) e poi con Whitney (16-12). Rivero, migliore attaccante del match produce 4 dei primi 10 punti per  Brescia, e insieme agli ace di Miniuk e Isabella Di Iulio ribaltano completamente la partita (17-19) approfittando anche di un paio di errori in attacco della Lardini.

Cogliandro tiene in scia Filottrano (19-20), Rivero assicura il +3 alla Banca Valsabbina, che Nicoletti e l’ex Villani mantengono per l’ 1-0 bresciano. La Lardini sa ripartire
di slancio nel secondo parziale: Vasilantonaki firma a muro il 4-0, vantaggio che la squadra di Chiappini dilata con Whitney (7-2) e Di Iulio    (13-6).

La progressione della Lardini porta il vantaggio fino al +8 dopo il muro in campo di Whitney (decisione rivista al video-check), ma come nel primo set la Banca Valsabbina non abbassa la guardia, tutt’altro: la rincorsa della squadra di coach Mazzola passa per l’ace di Rivero (17-12) e per i positivi attacchi di VillaniMiniuk e Nicoletti (20-18). Filottrano riprende il largo con Vasilantonaki ed un attacco out di Rivero (22-18), Brescia difende tanto e Nicoletti a muro fa sentire ancora il fiato sul collo alla Lardini (22-21). Finale di set palpitante:
Garzaro alza il muro (23-21), Nicoletti la mette in campo (23-22), Whitney consegna
due set-point alla Lardini (24-22). Rivero (7 punti nel set) annulla il primo (24-23), ma pesta la linea di fondo sulla successiva battuta, regalando l’1-1 a Filottrano.

Brescia parte meglio nel terzo periodo (2-4), Whitney e Di Iulio la
riprendono in fretta (5-5), l’ace di Di Iulio e l’attacco di Rivero
accompagnano Brescia al nuovo doppio vantaggio (8-10). Garzaro non sbaglia un
attacco, Brescia pasticcia in difesa e la Lardini può rimettere la freccia
(13-11). Whitney inquadra il rettangolo bresciano dai nove metri (17-16), due fast di Cogliandro scaldano il PalaBaldinelli (19-18), ancor di più l’attacco di prima intenzione di Di Iulio
dopo una gran difesa di Cardullo (22-21). La mossa vincente di coach Mazzola si
chiama Washington: la centrale americana, al debutto, entra al meglio in partita (22-22), l’ace di Rivero e l’attacco di Villani portano Brescia al
doppio set-point (22-24). Capitan Di Iulio (6 punti e il 60% nel set) ne
cancella uno, ma sul secondo il pallonetto di Washington beffa la Lardini (23-25). Vasilantonaki, il muro di Whitney e un ace di Tominaga firmano l’accelerazione
di Filottrano alla partenza della quarta frazione (6-3), ma era e resta una partita giocata sul filo dell’equilibrio: Rivero impatta a quota 7, la stessa schiacciatrice e Villani in battuta capovolgono il set (10-13). La Lardini rientra dal timeout con grande foga e ricuce subito lo strappo (Vasilantonaki per il 13-13), Brescia sfrutta al massimo ogni disattenzione di Filottrano, torna a condurre con il pallonetto di Miniuk (14-16) e, dopo l’attacco vincente di Di Iulio (17-18) piazza un parziale di 5-0 (17-23) che l’avvicina ai tre punti, che si materializzano sull’errore al servizio della squadra di casa.

Una partita che ci lascia un po’ di amaro in bocca per non averci creduto fino in fondo, soprattutto quando si poteva  gestire il             vantaggio…..ForzaLardini!!!!

A proposito dell'autore